Quello che c'è da sapere.
Direttamente nella tua inbox.
Niente spam, promesso.
Ok, sei dei nostri. Ottima scelta.
Social Media Business Tecnologia Pressplay Serie TV Startup Hacked Politica

Ghiaccioli made in Taiwan

Gabriella Infante

Alcuni studenti provenienti da New Taipei City hanno raccolto campioni da fiumi, insenature e porti urbani, li hanno congelati in stampi da ghiacciolo e li hanno coperti di resina. Si tratta del progetto intitolato Polluted Water Popsicles ed appartiene a tre studenti di design dell’Università Nazionale delle Arti di Taiwan. Hung Yi-Chen, Guo Yi-hui e Cheng Yu-Ti hanno prelevato campioni di acqua da 100 diversi laghi, fiumi, spiagge e porti di Taiwan e questo è quello che hanno trovato.

 

Sembra che l’idea sia nata osservando lo stato delle acque di un canale che scorre accanto all’Università di Taipei

Un campione di Xinchao Creek nel sud-ovest del bacino di Taipei, la più grande area metropolitana di Taiwan.

 

Dal fiume Tamsui, che scorre attraverso Taipei.

Il secondo campione da sinistra appartiene al canale che scorre accanto all’Università, precisamente nel quartiere Banqiao di New Taipei City, una delle zone urbane di Taiwan più densamente popolate

I 100 campioni sono stati classificati dal più sporco al più pulito. Le acque più inquinate (nel campione in foto) sono quelle di Keelung, una città portuale

“Speriamo che vedere le acque inquinate in questa forma aiuti più persone possibile a cambiare il proprio stile di vita” – hanno affermato gli autori del progetto

Gli autori hanno realizzato anche dei wrapper per ogni campione, indicando in etichetta la provenienza delle acque.

Quello che c'è da sapere.
Direttamente nella tua inbox.
Niente spam, promesso.
Ok, sei dei nostri. Ottima scelta.