Social Media Business Tecnologia Serie TV Startup Politica Persone Altro

Le 10 cose che devi sapere su Pokémon Go per parlarne al bar con gli amici.

Redazione
h
3'
14 luglio 2016 14/07/2016

1. Pokémon Go è un gioco basato su realtà aumentata e geolocalizzazione. Lo scopo è catturare i pokémon disseminati nel mondo (nel proprio salotto, all’ingresso del British Museum, o davanti alle poste di Trapani). I mostri potranno quindi essere venduti, scambiati e usati per combattimenti online con altri giocatori.

2. Pokémon Go è il primo titolo della saga di Pikachu & co. che arriva su smartphone (sconsigliato, quindi, fingersi espertoni).

3. Dopo anni di assenza dal mercato delle app per smartphone e di esclusività sui propri dispositivi (a chi non è mai venuta voglia di giocare a Mario sul proprio cellulare?!), qualche mese fa Nintendo ha fatto il suo ingresso con la piattaforma sociale Miitomo. Pokémon Go è il secondo titolo per dispositivi mobili ed è chiaramente destinato a diventare il gioco dell’anno, fatevene una ragione.

4. In Italia, l’app non è ancora ufficialmente disponibile. La data di lancio prevista per il 15 luglio sembra destinata a slittare a causa di problemi tecnici. Ma se hai un Android potresti scaricare l’APK ed installarlo. Nel caso tu possieda un iPhone, puoi pensare di scaricarlo dall’App Store di uno dei Paesi in cui è già disponibile (Australia, Giappone, Nuova Zelanda e Stati Uniti). In questo caso avrai bisogno di un indirizzo di fatturazione e dei dati di una carta di credito del Paese che hai scelto (non sei costretto – ripeto – non sei costretto).

pokemon-go-0

5. Grazie alla nuova app, le azioni di Nintendo volano: il giorno del lancio (venerdì) le azioni sono state spinte sopra i 22 dollari con un rialzo del 9,3% e del 24% il lunedì successivo tanto da far lievitare il valore dell’azienda di quasi miliardi di dollari (l’attuale capitalizzazione si aggira intorno ai 23 miliardi di dollari).

6. Pokémon Go nasce della collaborazione tra Niantic, Game Freak, The Pokémon Company e Nintendo. Le ultime tre sono ideatrice, editrice e studio di sviluppo dei giochi legati al mondo dei Pokémon, e sono anche legate dal punto di vista finanziario. La Niantic invece è lo studio nato dentro Google, che ha sviluppato Ingress, uno dei pochi precedenti significativi di app collettiva sulla realtà aumentata insieme a Life is Crime.

7. L’app è gratuita su tutte le piattaforme ma sfrutta il modello freemium: è possibile acquistare per piccole cifre dei miglioramenti nel gioco o risparmiare tempo.

8. Già si registrano i primi inviti alla moderazione nell’utilizzo del gioco, come quello diffuso dal dipartimento dei trasporti dello stato di Washington che ha invitato i cittadini a non “pokemonare” alla guida (mi raccomando, non pokemonate troppo).

pokemon-go-plus

9. A fine mese la Nintendo distribuirà Pokémon Go Plus, un bracciale che vibra quando è vicino ai Pokémon rendendo la caccia più facile.

10. Perché tutto questo clamore per un nuovo gioco? Beh è appena uscito, è nuovo e per questo eccitante. E poi è gratuito e fa molto nostalgia per tutti quelli che giocavano a Pokémon negli anni ’90. Porta la dimensione del gioco nella vita di tutti i giorni, è adatta ai fanatici ed ai casual users. E poi è Nintendo <3

iPod nano, grazie e a risentirci

Sixto Rodriguez è morto e poi è diventato una rockstar

L’effetto Amazon nell’e-commerce della moda

Quello che c'è da sapere. Direttamente nella tua inbox.
Ok, sei dei nostri. Ottima scelta.