Quello che c'è da sapere.
Direttamente nella tua inbox.
Niente spam, promesso.
  Ho letto e accetto la privacy policy
Ok, sei dei nostri. Ottima scelta.
Social Media Business Tecnologia Pressplay Startup Serie TV Hacked Politica

Gli spot più belli di questo Super Bowl 2019

Redazione
F

Fermo restando che il football – in quanto sport – conserva per noi il fascino dell’inspiegabile, è naturale che la nostra attenzione si concentri ogni anno sugli spot e i brand che vanno in scena durante il più seguito evento sportivo del globo (più di 200 milioni di spettatori solo in America). E puntuali, come sempre, ecco gli spot imperdibili di questa edizione 2019 del Super Bowl, in ordine sparso:

Budweiser

Strade americane e diligenza, il cane e i cavalli, il grano, il vento e Bob Dylan: c’è un bel po’ di America classica nello spot di Budweiser ma con una sorpresa alla fine che sposta lo sguardo dal classico all’innovazione, in una sorta di continuità tra vecchio e nuovo, tra passato e presente.

Stella Artois

Drugo e Carrie. Carrie e Drugo? Eh sì, Stella Artois ha scomodato i pezzi grossi e tutti e due sorprendono le aspettative: niente Cosmopolitan, niente White Russian. Ma birra. “Ottima scelta”

Olay

Olay – per la prima volta al Super Bowl -confeziona uno spot divertente trascinando Sarah Michelle Gellar in una scenetta destinata a finire in risate.

Pepsi

Lil Jon, Steve Carrell e Cardi B per lo spot di Pepsi.

Doritos

I want it that way. In questo caso, quel modo è “Cool Ranch” Doritos e ad affermarlo sono i Backstreet Boys e Chance the Rapper che mettono su dei tanti spot divertenti a cui il gigante delle patatine ci ha abituati da anni.

 

Colgate

Luke Wilson e il suo sorriso gigante sono i protagonisti della pubblicità di Colgate di quest’anno che ci porte vicino a Luke Wilson, molto vicino fisicamente. Anzi troppo. Così vicino che non puoi fare a meno di ricordare quanto tempo è passato da Old School.

Bubly

Bubly / Bublé. Il gioco di parole è semplice ma efficace e Michael Bublé se la cava recitando nei panni di sé stesso.

Devour

Il gigante del cibo surgelato affonda nel concetto di #foodporn, davvero letteralmente. Il concetto? Divertente. L’esecuzione? A volte davvero, davvero disgustoso.

Planters

L’ex giocatore di baseball statunitense Alexander Rodriguez, Charlie Sheen e il super Mr. Peanut che is always there in crunch time.

Skittles

Ciao Dexter.

Michelob Ulttra

Zoe Kravitz ci regala delle vere e proprie vibrazioni ASMR in questo spot dell’anno per Michelob Ultra.

Amazon

Amazon ha fatto il botto per il suo spot del Super Bowl: una serie esperimenti Alexa falliti che creano situazioni esilaranti. E c’è anche il cane di Harrison Ford.

Expensify

Se vedi 2 Chainz e Adam Scott in una pubblicità, pensi: no, non funziona. Il risultato è una specie di videoclip che racconta i dettagli logistici di un video rap.

Walmart

Tutte le auto più famose del cinema si sono date appuntamento per questo bellissimo spot Walmart. La DeLorean e Kitt, l’auto di Batman e quella dei Ghostbusters, Saetta McQueen e gli altri corrono verso Walmart per il pick-up sul marciapiede. Velocissimo.

Hyundai

Jason Bateman fa squadra con Hyundai come addetto che gestisce un ascensore che va solo in posti terribili, compresa l’esperienza di acquisto di auto. Ma non se stai comprando una Hyundai, perché Hyundai rende l’acquisto di automobili migliore.

Squarespace

Semplice e di grande effetto: il potere di fare qualsiasi cosa tu possa immaginare è dentro di te. Finale super.

Michelob Ultra

In una pubblicità abbastanza divertente, Michelob Ultra rende un concetto con il suo droide robot super-atletico: vale la pena fare tutto ciò che serve solo se poi se lo si può godere. E quale modo migliore per godersi un allenamento se non con una birra?

Mercedes-Benz

Mercedes-Benz è tornata nel business del Super Bowl con un’apparizione speciale di Ludacris. Willy il Coyote e Bip bip fanno la loro apparizione per un bel commercial. Un poì di più di quello che ti aspetti da Mercedes.

Microsoft

Un’altra mossa vincente? Bambini. I bambini sono quasi sempre bravi, almeno fino a quando non sono adolescenti. Detto questo, tutti i bambini dovrebbero essere in grado di giocare ai videogiochi, il che rende l’attenzione di Microsoft nel far sì che anche i bambini diversamente abili possano giocare, ancora più speciale. Siete riusciti a non commuovervi?

Pampers

John Legend e Adam Levine per Pampers fanno squadra con un gruppo di altri papàalle prese con il “fetido bottino” che “papà lo pulirà”.

Google

In una terra di trucchi e celebrità, Google ha sfruttato esattamente ciò che deve essere detto in questo momento. Nella sua commovente pubblicità, una voce fuori campo dice che le frasi più tradotte sono “Come stai?” “Grazie” e “Ti amo”. Ok, Google.

T-Mobile

In qualità di main-sponsor, T-Mobile è apparso con più annunci poco brillanti che dipendevano dalla tua volontà di leggere un sacco di messaggi di testo. Abbastanza carino. Punti bonus per l’annuncio di una promozione con Taco Bell.

M&M’S

Christina Applegate alle prese con indisciplinati passeggeri sul sedile posteriore, durante il suo ritorno dal negozio di alimentari. Ecco che crea un nuovo prodotto.

Pringles

Nel 2018 Pringles venne fuori durante Super Bowl con il concetto di “Flavor Stacking”: razie alla loro forma unica, le patatine Pringles sono perfette per essere impilate. Nell’episodio di quest’anno, due amici si chiedono quante combinazioni esistano e un depresso assistente vocale risponde ricordando amaramente di non possedere mani, bocca, etc. per gustarle e quando sta per scivolare in un baratro di disperazione…

Burger King

Una volta Warhol disse: “La cosa fantastica di questo paese è che l’America ha iniziato la tradizione in cui i consumatori più ricchi comprano essenzialmente le stesse cose dei più poveri”. Questo, ha annunciato Burger King, è ciò che vuole che i clienti sappiano: i Whoppers sono per tutti, i ricchi, i famosi, i poveri, gli atleti. E gli artisti.

Quello che c'è da sapere.
Direttamente nella tua inbox.
Niente spam, promesso.
Ho letto e accetto la privacy policy
Ok, sei dei nostri. Ottima scelta.
Come si vende un Paese: l’ascesa del nation branding
La prima agenzia di marketing dedicata al pubblico femminile
Anche l’Iap s’è accorto che gli influencer si fanno pagare