Quello che c'è da sapere.
Direttamente nella tua inbox.
Niente spam, promesso.
Ok, sei dei nostri. Ottima scelta.
Social Media Business Tecnologia Pressplay Serie TV Startup Hacked Politica

Si può festeggiare San Valentino senza sentirsi degli smidollati

Gabriella Infante
C

Che San Valentino sia soltanto una festa commerciale è una cantilena che ci siamo ripetuti un sacco di volte, soprattutto quando ci faceva comodo, ovvero nei periodi di singletudine, di drammi da “è complicato” o nei vagheggiamenti post-comunisti da facoltà di Lettere e Filosofia.

Ma in fondo si festeggia qualsiasi cosa – mamme, nonni, papà, Halloween, Ferragosto e compagnia bella. Riuscite a scovare una ricorrenza che non abbia tirato su un florido e comprensibilmente attraente universo commerciale? La festa più importante della Cristianità è anche quella che vende di più: i consumi impennano, le tredicesime si riversano nel mercato, cibo, vacanze e gadget di ogni sorta spuntano come funghi sotto alberi addobbati di luci colorate.

Il vil denaro è dappertutto. E allora? Questo dovrebbe impedirci di festeggiare il Natale?

In fondo c’è chi su San Valentino ha costruito delle storie di successo fantastiche che hanno finito per definire il significato e le abitudini che accompagnano la ricorrenza.

In Italia del resto, non si riesce a pronunciare “San Valentino” senza tirare in ballo i Baci Perugina e la storia fantastica della sua inventrice, Luisa Spagnoli. La signora Spagnoli negli anni ’20 creò questa ricetta che serviva a riutilizzare i residui di lavorazione della nocciola: il risultato era simile alla nocca di una mano, per questo chiamò il suo cioccolatino “Cazzotto”. Qualche affinamento nel corso degli anni e quello che era un cazzotto indimenticabile diventò un bacio leggendario: mai metafora più azzeccata! Che poi i Baci perugina siano diventati sinonimo di San Valentino è cosa risaputa.

Negli Stati Uniti 60-70 anni prima, un’altra donna incominciò ad incidere profondamente sulle abitudini legate alla ricorrenza: era Esther Howland, che per prima cominciò a produrre su scala industriale i biglietti di San Valentino utilizzando tutta la simbologia dell’amore romantico, cuori, colombe, Cupido, etc. finendo per incidere sull’immaginario iconografico collettivo dell’amore. È soprattutto merito suo se ancora oggi ci scambiamo bigliettini d’amore per San Valentino.

Non storcete il naso, in 150 anni di storia l’umanità ha fatto qualche passo avanti e oggi i bigliettini hanno tutt’altro aspetto.

  

 

Ammetto che questi uomini impacciati che si buttano sulla confezione di cioccolatini più grossa che riescano a trovare o le donne che si trasformano per una sera in perfetto stile “prima & dopo”, mi hanno sempre un po’ stranito. Ma quest’anno ho deciso di provare a guardarli in maniera diversa e pensandoci, mi fanno molta tenerezza, in senso positivo.

La ricetta perfetta sarebbe vivere la ricorrenza al di là di stereotipi o obblighi al divertimento come se fosse Capodanno o Ferragosto. Sarebbe semplice vivere quel  San Valentino che ci sembra più romantico e il romanticismo, si sa, è un fatto relativo.

Quello che c'è da sapere.
Direttamente nella tua inbox.
Niente spam, promesso.
Ok, sei dei nostri. Ottima scelta.
La rivoluzione che serve all’industria della moda è etica
Donne e pubblicità: è ora di darsi una svegliata