Quello che c'è da sapere.
Direttamente nella tua inbox.
Niente spam, promesso.
  Ho letto e accetto la privacy policy
Ok, sei dei nostri. Ottima scelta.
Social Media Business Tecnologia Pressplay Startup Serie TV Hacked Politica

La Cina costruisce una super-città intorno a Pechino

Gabriella Infante
J

Jing-Jin-Ji è una città che non trovate su nessuna cartina perché ancora non esiste. Sarà una megalopoli da 130 milioni di abitanti, con una superficie più grande della Corea del Sud e sorgerà nell’area che comprende le città di Pechino, la città portuale di Tianjin e la vicina provincia di Hebei.

Al progetto si lavora dagli anni ’80 ma solo qualche mese fa il presidente cinese lo ha abbracciato ed ha autorizzato i primi lavori che riguardano la costruzione di una linea ferroviaria che migliori sensibilmente i collegamenti tra le zone: lunghezza totale di 1.100 chilometri, costo di oltre 36 miliardi di dollari e conclusione prevista per il 2020.

Nella nuova grande città, Pechino rafforzerà il suo ruolo di capitale, sarà un centro politico, culturale, tecnologico e delle comunicazioni. Tianjin sarà un centro per la ricerca e lo sviluppo nel settore manifatturiero, ma anche il centro del trasporto marittimo internazionale della Cina del nord. Alla provincia di Hebei si affiderà la concentrazione e lo sviluppo della manifattura.

In molti sono preoccupati di come il progetto si occuperà delle abitazioni e delle condizioni di vita dei lavoratori: si teme che il forte impianto speculativo dell’investimento andrà a discapito delle risorse e dei servizi a favore delle famiglie. In particolare, gli abitanti delle aree già urbanizzate temono che il governo userà i fondi in altre aree e che gli spostamenti diventeranno sempre più pesanti da sostenere. Già ospedali e scuole sono sovraffollate ed alcune aree non ricevono i fondi necessari.

I dettagli sulle tempistiche del progetto restano fumosi. L’integrazione sarà una sfida notevole.

Quello che c'è da sapere.
Direttamente nella tua inbox.
Niente spam, promesso.
  Ho letto e accetto la privacy policy
Ok, sei dei nostri. Ottima scelta.
Perché se la prendono tutti con Roberto Saviano?
Come si vende un Paese: l’ascesa del nation branding
La presentazione del primo iPhone è stata un grande bluff (e ci abbiamo creduto)