Social Media Business Tecnologia Serie TV Startup Politica Persone Altro

[Recensione] The Elements of User Experience Design.

Gabriella Infante
D
2'
13 settembre 2010 13/09/2010

Dalla fase di definizione strategica e delle richieste della committenza fino alla fase di Visual Design, questo libro è destinato ad accompagnare, facendo da guida, i progettisti che si dedicano allo sviluppo per il web centrato sull’utente.

Perché leggerlo?

E’ un testo fondamentale che consiglio per la chiarezza dei concetti e la qualità dell’esposizione.

Il primo passo di Garrett serve a chiarire il concetto di User Experience, ovvero come un prodotto (un sito nel caso specifico), viene utilizzato da un utente. Capire cos’è la User Experience è il primo passo per realizzare siti che prendano in considerazione e qualifichino – mettendole davanti a tutto – le esigenze degli utenti.

Jesse James Garrett
, fondatore di Adaptive Path, racconta nel capitolo introduttivo di aver elaborato, durante un’attesa in aeroporto,  lo schema concettuale che è alla base del libro, guidato da un senso di frustrazione dato dalla difficoltà di far combaciare e riunire in un unico” flusso” le discipline che partecipano alla progettazione di prodotti web user-centred. C’è da dire che lo schema – ed il libro – affrontano benissimo questa difficoltà e rappresentano un compendio teorico di base delle discipline e dei metodi propri di ognuna.

Ma Garrett ci offre qualcosa in più.

Il processo di progettazione è rappresentato all’interno di un unico flusso che si muove su cinque piani diversi e tra loro strettamente collegati: da quello più astratto dello Strategy Plan (definizione degli obiettivi del progetto e dei bisogni degli utenti), fino al più concreto Surface Plan (Visual Design). Ognuno dei 5 piani dello schema definisce una fase della progettazione e viene descritto in un capitolo dedicato.

L’intero schema, inoltre, viene diviso verticalmente sulla base della considerazione della doppia natura del web: interfaccia software/sistema ipertestuale.
In questo modo, Garrett riesce a definire un panorama concettuale articolato e coerente e a rendere esplicite le connessioni tra i piani, e le attività che li caratterizzano: ogni scelta effettuata in una fase del processo sarà determinante e vincolante per l’evoluzione nelle fasi successive.

This is not a book of answers. Instead, this book is about asking the right questions“, sostiene lo stesso Garrett nell’introduzione al libro ed è vero:  il libro educa i neofiti e conforta i professionisti nel riconoscimento teorico di discipline e ruoli ed allo stesso tempo fissa metodi e concetti che rendono più efficace il dialogo con le persone con le quali e per le quali lavoriamo.

iPod nano, grazie e a risentirci

Sixto Rodriguez è morto e poi è diventato una rockstar

L’effetto Amazon nell’e-commerce della moda

Quello che c'è da sapere. Direttamente nella tua inbox.
Ok, sei dei nostri. Ottima scelta.