Social Media Business Tecnologia Pressplay Startup Serie TV Hacked Politica

Moonlight è il miglior film dell’anno

Gabriella Infante

Da quando Trump ha vinto le elezioni, gli Stati Uniti li vedo un po’ intronati. Soprattutto l’establishment culturale ed ultra democratico: Meryl Streep se la prende con il neo presidente alla cerimonia dei Golden Globe; nessuno stilista che sia uno vuole vestire Melania Trump; i messaggi pubblicitari al maxi evento Super Bowl sono per metà promozioni di libertà ed abbattimento di muri e confini.

Tra i candidati all’Oscar 2017 come miglior film si profilava da tempo un testa a testa tra La La Land e Moonlight. Non potevano candidare due film più diversi: il primo è una storia di amore, talento e sogni da realizzare tenendosi per mano e volteggiando a passo di danza. L’altro è la storia di emarginazione sociale e omosessualità.

Per Hollywood entrambi i film sono assolutamente anti-Trump. Se La La Land è una sorta di ritorno all’onirico/sentimentale mondo pre-Trump, il secondo è un cazzotto in faccia alle politiche d’esclusione ed all’impostazione wasp dell’attuale amministrazione.

Ieri sera alla premiazione, l’ormai attempato Warren Beatty, busta alla mano, proclama il musical vincitore della statuetta più ambita. Tutti sul palco e pronti per i festeggiamenti! Invece no, qualcun’altro irrompe e dice: fermi tutti, ha vinto Moonlight!

 

Beatty dice di aver ricevuto la busta sbagliata, la società che si occupa dei conteggi dice che provvederà a ricontare tutto, gli americani quasi sperano che prima o poi qualcuno si farà vivo all’improvviso per dire che anche le elezioni erano tutto uno scherzo: ha vinto Hillary e voi ci siete cascati!

Invece no: c’è Trump e il miglior film dell’anno è Moonlight, un film di formazione che racconta in 3 capitoli l’infanzia, l’adolescenza e l’età adulta di Chiron, afroamericano e gay che viene dai quartieri poveri di Miami.


Dopo aver vinto il Golden Globe come miglior film drammatico, si è portato a casa l’Oscar come miglior film e come miglior attore non protagonista per Mahershala Ali, il Remi Danton di House of Cards.

Quello che c'è da sapere.
Direttamente nella tua inbox.
Niente spam, promesso.
Ok, sei dei nostri. Ottima scelta.
Radiohead & Hans Zimmer per un documentario sul mondo sottomarino
Beatlemania in uno scatto
La classifica impossibile dei migliori film con Dustin Hoffman