Social Media Business Tecnologia Serie TV Startup Politica Persone Altro

Cosa sono i micro-moments e come sfruttarli

Gabriella Infante
I
4'
5 aprile 2017 05/04/2017

Il Mobile ha cambiato per sempre le nostre aspettative verso i brand con i quali interagiamo. Ha diviso la nostra giornata in centinaia di micro-momenti in cui tutto succede in tempo reale. Pensiamo agli smartphone, che ci permettono di reagire immediatamente ai nostri desideri di contatto con gli altri, di informarci o semplicemente per acquistare qualcosa online.

In questi momenti, le nostre aspettative sono alte e la nostra pazienza è bassa. Questo rende la qualità, la rilevanza, l’utilità delle nostre scelte di marketing più decisive che mai.

Ognuno di questi momenti è una opportunità per influenzare le nostre decisioni e le nostre preferenze. È importante, come progettisti fare il nostro meglio per indirizzare queste necessità in ognuno di questi momenti. È quanto emerge da un rapporto di Google sull’argomento che potete trovare integralmente qui. Vediamo quali indicazioni salienti ci fornisce questo rapporto e come possiamo utilizzare le informazioni fornite da Google per elaborare strategie efficaci che garantiscano conversioni interessanti e relazioni salienti.

Cosa caratterizza i micro-momenti

1. Azione immediata

Gli smartphone ci permettono di agire su ogni impulso in qualsiasi momento. Compiamo un’azione immediata ogni volta che vogliamo imparare, trovare, fare o comprare qualcosa.

2. Bisogno di rilevanza

Quando compiamo un’azione rispetto alle nostre esigenze in the moment, le nostre aspettative sono alte e la nostra pazienza è poca. Questo rende la qualità, la pertinenza, e l’utilità di marketing più importante che mai.

3. Fedeltà alle esigenze

Le nostre preferenze e gli acquisti sono modellati in queste micro-momenti. In definitiva, i marchi che lavorano meglio assecondando le nostre esigenze in ogni momento, vincono.

Cosa ci dice la ricerca

La ricerca e le interviste con persone reali, che hanno bisogni reali in momenti della vita reali, fanno emergere alcune considerazioni.

Le persone valutano decisioni d’acquisto in-the-moment

l’82% delle persone utilizza lo smartphone per influenzare la propria decisione d’acquisto all’interno del punto vendita.

Le persone risolvono problemi inattesi in-the-moment 

Il 62% degli utenti smartphone hanno maggiori probabilità di agire subito verso la soluzione di un problema imprevisto o una nuova attività proprio perché hanno uno smartphone.

Le persone perseguono grandi obiettivi in piccoli momenti

Il 90% degli utenti smartphone ha usato il proprio telefono cellulare per fare progressi verso un obiettivo a lungo termine o un processo multi-step, mentre “era in giro.”

Le persone cercano cose nuove in momenti di routine

Il 91% degli utenti smartphone usa il proprio telefono per sviluppare o cercare nuove idee mentre svolge un determinato compito (abitudinario).

Cosa possiamo fare?

La risposta è esserci quando i nostri utenti hanno bisogno di noi. Ecco alcune idee per cominciare a progettare ed intervenire.

Fare una mappa dei momenti

Possiamo identificare una serie di momenti in cui il nostro brand deve prevalere e non può permettersi di perdere. Occorre esaminare tutte le fasi del percorso del consumatore per mappare i momenti in cui la gente vuole trovare ispirazione, conoscere i nostri prodotti, fare un acquisto veloce, e tutto quello che c’è in mezzo, lungo il percorso di acquisto e scoperta.

Conoscere i bisogni delle persone in-the-moment

Per ogni momento in ci il nostro brand vuole prevalere, mettiamoci nei panni del consumatore. Dobbiamo chiederci “Che cosa renderebbe questo passaggio o questa azione più facile o più veloce? Quali sono i contenuti o le funzionalità che sarebbe più utile avere a disposizione per questo momento?”

Usare il contesto per fornire l’esperienza giusta

Possiamo sfruttare segnali contestuali come la posizione e l’ora del giorno per offrire esperienze e messaggi che vengono percepiti come su misura in-the-moment. Ad esempio, possiamo consentire ai clienti nelle vicinanze dei nostri negozi di sapere quando e se i prodotti che stanno cercando sono in magazzino o disponibili per il ritiro in negozio.

Ottimizzare il processo

Le persone si spostano senza soluzione di continuità attraverso schermi e canali. Il nostro marchio fa lo stesso? È fondamentale che l’immagine e la comunicazione aziendale, anche se proveniente da reparti diversi o riguardante argomenti diversi, sia fortemente unificata. È il modo per fronteggiare un contemporaneo molto complesso, in cui i percorsi di apprendimento e conoscenza sono spesso frammentati.

Misurare ogni momento che conta

Rischiamo di servire poco o male i clienti, se abbiamo lacune analitiche. Mentre il ritorno sugli investimenti per certi momenti potrebbe non essere ancora direttamente misurabile, possiamo addestrare il nostro team ad utilizzare stime credibili per garantire che niente ci stia sfuggendo.

 

Qui trovate l’utilissima guida Your Guide to Winning the Shift to Mobile, che comprende strategie, approfondimenti, e storie di successo per l’analisi e le attività sui micro-moments.

Nel prossimo articolo vedremo quali sono i 4 momenti fondamentali intorno ai quali costruire strategie di marketing per il mobile.

iPod nano, grazie e a risentirci

Sixto Rodriguez è morto e poi è diventato una rockstar

L’effetto Amazon nell’e-commerce della moda

Quello che c'è da sapere. Direttamente nella tua inbox.
Ok, sei dei nostri. Ottima scelta.